bibivu :: Perche' i chili non definiscono una persona
http://www.bibivu.com
List all the banners
  • italiano espa�ol

the WALL

  • ezanfi1980: ...buon soleggiatomafreddoloso giorno, che l'ozio e la nullafacenza sia con voi...o per lo meno con me di sicuro!!
  • ghiacciolo: Buonasera a tutti... ^_^
  • connemara: A parte qualcuno..... ^_^
  • seasparrow: e' meglio cosi' piuttosto che peggio di cosi'
  • jonny80: Va be, meglio pochi ma buoni 😜
  • Denix: Sempre il solito insomma @connemara
  • connemara: Rientro dopo un po'.. ed in effetti sempre gli stessi online.. e sempre tanti i visitatori.. sempre gli stessi montatori seriali...
  • Freeda: ... a foza di guardarmi sempre alle spalle XD
  • Freeda: rivolgo un disperato appello agli oltre 130 utenti online: REGISTRATEVI!! la lista dei loggati la stessa da giorni ed inquietante... il Montatore mi ha fatto venire il torcicollo, a forza di guard
  • seasparrow: yaawwwnnnn

Forums

Group: Visitors

Categories:  >  Canali Canali  >  Bibivu Cultura Bibivu Cultura  >  30069
Please Login
Please Login
1,531 Topics
5,820 Posts
1  
un ferragosto con l'utopia

Author rev.Geims 29/08/09 - 16:45
IPID: 19803D51B3
a ferragosto ricorreva l'anniversario del festival di woodstock (15/17 agosto 1969) e la stampa lo ha ricordato con vari articoli
tra quelli che ho letto,il pezzo di VANITY FAIR mi ha fatto riflettere ma non solo
l'autore inizia dicendo che la sua una rilettura in chiave provocatoria,riporto dei passaggi:

"quel festival non rappresento' l'apoteosi degli ideali e delle utopie di quella generazione,ma semmai ne segno' il funerale
provate a tradurre un sogno in realta' e -PUF!- svanira' davanti ai vostri occhi
date un appuntamento alla storia e quella capricciosa vi dara' buca"

"rimane la musica.ma anche qui bisogna far chiarezza,anche a costo di prendersi qualche pernacchia
a woodstock suonarono... ... i jefferson airplane..etc...etc..
..rispettabilissimi ma oggi datatissimi folksingers come country joe mc donald e joan baez..."

"...guardate il film di quell'evento....lungo quelle tre ore e mezza di pellicola non riuscirete a trovare neanche un sorriso"

io mi chiedo se per caso i jefferson, che cantavano -saturday afternoon-siano oggi attuali e joan baez invece sia roba vecchia?
se l'autore fosse davvero un amante del rock (come dice) avrebbe segnalato gli SHA-NA-NA (R&R anni '50 con balletto e brillantina al pettine) come gruppo estraneo al contesto di woodstock
tutti gli altri ci stavano,allora,specialmente contry joe che canta assieme a tutte quelle persone:"...1-2-3..sanno per che cosa combattono?..."
io la pernacchia non la faccio perche' vanity fair un giornale a tiratura settimanale e di roba ne deve scrivere..ogni settimana...e si sa..la carta si lascia scrivere
ma all'autore dell'articolo mi sento di dire che cambi mestiere
come si puo' concludere l'articolo dicendo che durante il concerto nessuno rideva...
ma che:uno va ad un concerto per ridere?

--------------------------------------------------

tutt'altre opinioni nel libro TAKING WOODSTOCK da cui ang lee ne ha tratto il film, in anteprima a venezia
scritto da colui che " combino'ilpostoall'ultimomomento" per fare il festival...vi riporto un passaggio:
"smentendo tutte le paure e chiacchere che circolarono prima del concerto,non si registrarono crimini o violenze durante il festival nessuna rivolta,nessuno stupro
quando la gente di bethel interagi' con gli hippy li trovo' in effetti educati,rispettosi e altruisti
l'unico reato,se cosi' vogliamo chiamarlo,capito' quando alcuni ragazzi tagliarono la recinzione della fattoria per entrare senza pagare il biglietto
ma non era un crimine poi cosi' grave dal momento che mike lang ed io avevamo annunciato piu' volte che il festival sarebbe stato gratutito
persino durante il concerto la Woodstock Ventures disse alla gente che erano i benvenuti
generosita' condivisione e senso di comunita' si diffuse tra la gente
si potevano vedere gli effetti negli ampi sorrisi,nei segni di pace sfoggiati costantemente e nell'aiuto offerto a perfetti estranei
anche le condizioni oggettivamente difficili non diminuirono L'ATTEGGIAMENTO FESTOSO,la disponibilita' e l'altruismo mostrati gli uni con gli altri".

---------------------------------------------------

torniamo invece al -PUF- del caro "giornalista"
qui sono d'accordo con lui,ma non lo riabilito..
in effetti il mondo non si manda avanti mettendo fiori nei cannoni..
a berkeley, nel pieno dei fermenti, le ragazze bruciavano i reggiseni
questo mi riporta all' adolescenza mia e di una coetanea (47) bbw che non lo portava mai.. lei una post-hippy,di quelle irriducibili..penso non lo abbia messo per anni
chissa' dove si trovano le sue tette adesso

mah..faccio una pausa..salvo con nome....
riprendo un disegno..ora ci metto una bella edera su questo muro..nooo,non a mano..col computer..
con un clic ecco la magia:l'edera cresce da sola,e io li' che la guardo crescere..
poi un altro clic e si ferma dove voglio io:tutto in 3 dimensioni
sembra una foto tanto vera...con un software gratuito addirittura...(non smetto mai di meravigliarmi davanti ai progressi della tecnologia)
poi spengo il pc e mi guardo intorno
penso che non tutto progredisca con questa rapidita'
la nostra societa',per esempio, non avanza come le schede di memoria o i telefonini
e il mondo del lavoro?
vedo quasi tutta la mia ricchissima provincia nordestina in cassa integrazione
un intero distretto produttivo sparito
una crisi finanziaria mai conosciuta prima
finanza creativa-borse-azioni-yuppies-edonismo reganiano-tatcherismo
sono stato forse io la causa della crisi?ho addirittura contribuito a delocalizzare all'estero l'azienda perche' sia piu' competitiva..
brunetta e tremonti sarebbero fieri di me

..mah..vado in giardino a prendere un'oretta di sole,tanto sono a casa per forza...
metto su una playlist che ho intitolato SUMMER OF LOVE (come un post che avevo scritto due anni fa qui ,su cultura)
-creedence-jefferson-csny-canned heat-
mi metto al sole e li ascolto:ma davvero utopia la loro?
la nostra societa' non progredisce,le 3 religioni sono li',da duemila anni,e stanno sempre li'..
c' stato il fascismo il comunismo e.....lo yuppismo...
il mondo, e il sistema che ci ha condotti fin qui, "scricchiolano"
eppure quei freaks non chiedevano molto
o forse perche' chiedevano delle cose troppo semplici sono rimasti un utopia?
non serve farsi una canna per essere in pace col mondo o prendere l'acido per capire questo

mi alzo dallo sdraio un po' intontito,tolgo le cuffiette...picchia molto....
penso che john lennon aveva tutto chiaro con-imagine-
torno a sedermi perche' mi gira un po',ma senza sdraiarmi di nuovo
rimetto la musica e sento WON'T YOU TRY/SATURDAY AFTERNOON dei jefferson
grace slick,la cantante in un intervista recente:
Per me, come penso per molti, Woodstock ha segnato uno spartiacque fra un prima e un dopo.
Woodstock fu la rappresentazione della filosofia di un'intera generazione, come se tutti i giovani dicessero insieme:
Se spieghiamo le nostre idee, alla fine, anche chi non d'accordo, capir. Non importa quanto tempo occorrer, ma il cambiamento, alla fine, avverr.
In ogni caso, la storia ha dimostrato che qualcosa accadde e seppur in minima parte, continua a succedere ancora oggi.











---------------------------------------------------


ieri un amico mi fa:"hey,che hai fatto a ferragosto"?
e io:"mmm..niente:a casa...con l'utopia.."










Author Lafataverde 01/09/09 - 08:32
IPID: 0C8F65EDCE
"Sono passati cinque anni? Sei? Sembra una vita. Quel genere di apice che non torner mai pi. San Francisco e la met degli anni sessanta erano un posto speciale ed un momento speciale di cui fare parte. Ma nessuna spiegazione, nessuna miscela di parole, musica e ricordi poteva toccare la consapevolezza di essere stato l, vivo, in quell'angolo di tempo e di mondo, qualunque cosa significasse. C'era follia in ogni direzione, ad ogni ora, potevi sprizzare scintille dovunque, c'era una fantastica, universale, sensazione che qualsiasi cosa facessimo fosse giusta, che stessimo vincendo. quello, credo, era il nostro appiglio, quel senso di inevitabile vittoria contro le forze del vecchio e del male, non in senso violento o cattivo, non ne avevamo bisogno, la nostra energia avrebbe semplicemente prevalso, avevamo tutto lo slancio, cavalcavamo la cresta di un'altissima e meravigliosa onda. E ora, meno di cinque anni dopo, potevi andare su una ripida collina di Las Vegas e, se guardavi ad ovest, e con il tipo giusto di occhi, potevi quasi vedere il segno dell'acqua alta, quel punto, dove l'onda infine si infranta ed tornata indietro."

Ho sempre pensato che questo pezzo di film potesse riassumere pi che bene tutto ci che sento. Da ventenne che pu vedere tutto questo solo come un'utopia, maledicendo gli anni che l'hanno voluta qu piuttosto che l (e come si fa, nata nell'89 e vissuta nel 2000, a pensare che Woodstock sia stato?). Come ventenne che avrebbe tanto voluto esserci, e non ha il coraggio di un ragionamento tanto saggio (e vecchio) come il tuo.

Ah, il film era Paura e delirio a Las Vegas. :)
-Like a compass without a needle-

^top^
previous topic  1    next topic

Last Logged-in Users
19_luca_79
 19_luca_79
(1,240 hits)
ezanfi1980
 ezanfi1980
(1,547 hits)
Bomber
 Bomber
(1,150 hits)
senapina
 senapina
(4,094 hits)
TheSimon
 TheSimon
(444 hits)

Users On-Line

We have 119 users
6 members
113 guests

record on 13/09/17: 212

view complete list
[+]

Donations

 €
Locations of visitors to this page (counting)
eXTReMe Tracker
  bibivu v.4.3.029
  Fabrizio Parrella © 1996 - 2017
 Page created in 0.2414 Secs
94.34% mysql, 5.66% php
 21 mysql queries