bibivu :: Perche' i chili non definiscono una persona
http://www.bibivu.com
List all the banners
  • italiano espa�ol

the WALL

  • seasparrow: yaawwwnnnn
  • ezanfi1980: Ahaaa....lo hai notato anche tu allora.... 🤣
  • Freeda: ... e a giudicare dalla presenza soverchiante e caparbia di visite maschili ai profili maschili... direi che quasi quasi togliamo definitivamente il disturbo... :D
  • ezanfi1980: ....ma guarda che capita spessissimo
  • Master70brescia: apoteosi 8 uomini zero fighe :-) w la qualit :-)
  • Freeda: buona serata a tutti :*
  • masino1967: sabi :*
  • sabisaby: Ciao Masino.. .:)
  • masino1967: Buon giorno naviganti senza bussola! baci abbracci e cornetti alla nutella :) ...eccetera eccetera eccenerentola...
  • seasparrow: yaawwwnnnn

Forums

Group: Visitors

Categories:  >  Canali Canali  >  Come Stai Come Stai  >  29995
Please Login
Please Login
952 Topics
10,774 Posts
<< 1  2  3  4  5  >>
grasse - ops! - grosse risate

Author Miranda 03/08/09 - 15:00
IPID: 354A836F2B
non credo che esistano grassi felici di esserlo.
e guardarsi dentro e cercare di risolvere un problema
non significa lagnarsi ,significa prendere atto di una
questione che opprime e ti mette in pericolo di vita
maggiormente che a un normopeso.
Non penso che essita nessuno che davanti a maga mago'
e alla sua bacchetta magica se potesse togliere di
colpo 5...10...50 kg dica di no.
E non per questione di bellezza...anzi....di tutt' altro genere.
Lo dico con la massima serenita'...non trovo niente
di eroico nell' essere ciccioni.Anzi...e' un enorme debolezza..
laddove davanti al cibo non riusciamo a dire no
e la nostra vita e' appesa ad un ago della bilancia.
Non posso autoconvincermi di essere un eroe perch vivo
con il grasso...accetto il mio grasso.
Sono un martire..non un eroe.
Saro' un eroe solo quando saro' dimagrita, e davanti a qualsiasi
pasticcino diro' NO...e sempre NO...e manterro' il mio
peso...questo e' essere eroi..non rassegnarsi..ma..
sconfiggere il mostro cattivo....e.. VINCERE.
Siamo persone lo stesso...certo...e viviamo lo stesso...certo..
non meno di chiunque altro...ma gia' il fatto che dobbiamo
puntualizzarlo sempre implica qualcosa che non va.
questo almeno secondo me....senza nessuna polemica...
semplicemente chiacchierando.
del vizio e delle debolezze sono prigioniera.

Author sibelius 03/08/09 - 15:50
IPID: CCEF5857AC
Lilith Il concetto che esprimi sacrosanto, per mi pare che Larakraft nel suo profilo veda la "taglia 42 come il burqua dell'Occidente" e questa idea mi pare quanto meno una cosa "spiritosa" :-|
E' come se si partisse dall'idea che le nostre (di noi sovrappeso e di noi ciccioni) abitudini alimentari sono sacrosante e salutari mentre quelle di chi magro devono avere per forza qualcosa di sbagliato. Ho letto le vibranti proteste contro i medici e contro tutti quelli che affermano che il troppo potrebbe stroppiare e farci male. Non subito ma col passare del tempo. E' evidente che con il passare dell'et (nemmeno io ho pi vent'anni) la situazione diventa prima difficile e poi problematica.
Non che ci incazziamo col dottore perch sotto sotto ci troviamo ad ammettere con noi stessi che siamo stati causa dei nostri mali per non avere arginato la situazione?
Come dici? Donne accoppiate ed ingrassate? Ma lo sai che avevo sospettato (chi sa perch) che accadesse? Adesso me ne stai dando la conferma!

E' chiaro. Se io trovo un uomo o una donna che mi trova bello/a allora il problema non c'. Fila liscio come l'olio. Solo in apparenza per.

Come funziona allora? L'autoaccettazione una bella cosa, rivendicare che si possa sedere comodi a cinema, a teatro ed in aereo sacrosanto, ma vivaddio, questo relax cosa significa? Che vediamo la faccenda solo in funzione dell'estetica dell'amore e del sesso. Siamo davvero sicuri che tutto il resto sia trascurabile secondario.

Ho dato un occhiata al sito che hai segnalato. Non ne so molto di francese ma mi sono aiutato con i traduttori. Non fanno egregiamente il loro mestiere, ma ti mettono in condizione di orecchiare un po'. E' tutto uno scagliarsi contro la "grassofobia".

Io invece mi auguro di essere sempre moderatamente grassofobo e di pensare alla mia salute indipendentemente dai gusti estetici e sessuali di una mia eventuale e futuribile compagna. Secondo me un po' di grassofobia non fa male. Il fatto che che temiamo pi che altro la grassofobia del prossimo che pi che altro solo stupidit: l'inveterata abitudine del divertirsi facendo soffrire gli altri e toccando volutamente i loro nervi scoperti.
Buttiamo a mare la grassofobia altrui. Benissimo, ma preserviamo e coccoliamo un po' la nostra. Sono certo che ne trarremmo dei benefici.

Non so perch, ma io non ho avuto mai un rapporto conflittuale con i medici. Anche quando mi dicevano che dovevo dimagrire e me ne hanno mostrato la necessit.
E' stata solo fortuna la mia. A volte me la prendevo, ma pi con me stesso perch sapevo e so che ero io a dover impedire a me stesso di arrivare sino a 130 kg e decidere solo alla fine di metterci una pezza. Che colpa ne aveva il medico? La colpa era mia, cavolo!
Del resto, basterebbe il tuo elenco e la chiarezza con cui dimostri anche a chi non ci mai passato come peggiora la qualit della vita

Ovviamente avendo citato Lara ed il suo pensiero la invito a controbattere se mi sbaglio.

Cicciona=bona, maliziosa e godereccia? E' solo un altro stereotipo, non differente dal punto di vista ontologico dall'equazione magra=gnocca. E' uno stereotipo comodo per noi perch ci stiamo dentro e sappiamo che la situazione non che si risolva dalla sera alla mattina. Ma non tutto quello che ci fa comodo o che ci fa piacere bene.

Lilith, mi dispiace doverlo dire, ma non ci trovo nessuna forma di eroismo nel fatto che continui a vivere e a darti da fare "malgrado tutto". E' che non hai alternativa al momento. Come per tutti gli esseri umani vale anche per te il principio che chi si ferma perduto perch resta indietro... e vatti a rimettere in carreggiata dopo tempo.
E questo valso anche per me. Non potevo fermarmi perdere il lavoro o omettere di avere una vita sociale come il mondo. Sarebbe stato un suicidio ed un allontamento verso la sanit mentale. N potevamo rinviare tutto a tempi migliori (decisamente irrealistico).

Sono dolente nel dirlo, ma stai facendo solo di necessit virt, come me e come tutti gli altri. Vorrei poterti dire il contrario, credimi, lo dico senza rancore e persino con una punta di rammarico perch riconosco tutti i segni e gli inconvenienti che hai citato.
Solo che all'eroismo (in questa faccenda qui) ci credo. Sarei ipocrita se dicessi il contrario.

P.S. E' solo nei catoni animati che i Panda possono assumere quella posizione. Io sono dimagrito e ancora ho strada da fare e ancora ad assumere quella posizione non ci riesco.
Sibelius

Author Lilith 03/08/09 - 16:44
IPID: 96010CD9FF
Ho sorriso (un po' amaramente) anch'io quando ho letto la frase di Lara_kraft sulla faccenda che la taglia 42 il burqa delle donne occidentali.

Sono d'accordo, persino, con questa affermazione: penso alle donne di taglia 46/48 che in palestra vengono prese per "ciccione" dalle amiche... le donne di taglia border-line in genere sono quelle pi bersagliate dal mondo intero, che tenta di riportarle entro i margini...

Solo che da l al "non ritorno" ci vuole poco...

Vorrei utilizzare questo mio intervento come risposta sia a Miranda che a Sibelius: quando ho scritto quella specie di "rap" dicendo che sono un eroe, pensavo, chiaramente, a quella bellissima canzone di CAPAREZZA in cui fa parlare Luigi delle Bicocche, un operaio che si arrabbatta a vivere nonostante le enormi difficolt quotidiane, la crisi economica mondiale, le congiunture politiche ed una famiglia da mantenere... e lui si sente un eroe non perch lotti contro il sistema, ma perch nonostante le enormi difficolt quotidiane (che condivide con milioni di altre persone) non si fa venire le crisi paranoico-ossessive, non ripiega sugli usurai, non cerca scuse per massacrare i suoi parenti e suicidarsi... un piccolo eroe quotidiano che continua a resistere (come tantissimi altri) nonostante tutto.

Voi dite che non siamo eroi... io dico che lo siamo, non per sentirmi circonfusa di un'aura santa, ma perch, cavoli, la nostra vita enormemente pi faticosa di quella altrui (per nostra debolezza, per malattia, per errate abitudini di vita.... non importa) e per continuiamo a lavorare, a portare i figli in piscina, a pulire casa e a gestire tutte le incombenze di ogni giorno.

Poco tempo fa il medico curante mi ha detto che se avessi voluto avrei potuto avviare la pratica per il riconoscimento dell'invalidit: spenderei meno soldi per le analisi cliniche o per certi farmaci; potrei posteggiare comodamente; potrei fruire dei tre giorni al mese cui hanno diritto i fruitori della legge 104. Ho rifiutato perch mi ripugna considerarmi una diversabile... non voglio togliere il parcheggio a chi paraplegico o spastico. Non voglio adagiarmi sulla mia condizione.

Non tutti siamo ciccioni perch mangiamo a quattro ganasce o perch siamo mangiatori compulsivi.
Non tutti abbiamo disfunzioni ormonali o genetiche.
Non tutti siamo stressati.

Ognuno ha la sua storia ed il suo percorso.
Io mi considero una miracolata perch da pi di 5 anni non ingrasso e mantengo il peso: prima era una disperazione continua... arrancavo tra diete e recupero con interessi... e non perch smettessi di stare a dieta per poi riprendere a mangiare come e pi di prima! Semplicemente successo che ad ogni dieta il corpo si adattato al regime alimentare pi scarno ed ha sviluppato strategie di recupero e di conservazione della ciccia... dopodich ho deciso di non fare pi diete, di mangiare secondo istinto e di ridurre al massimo pane e formaggi. Ho eliminato tutti i farinacei pomeriggio e sera. Ho usato l'olio liberamente ed ho mangiato quando avevo veramente "fame" e non ad orario solo perch una convenzione. E l'aumento di peso che era "in progress" da tanti anni si arrestato. Per me, che mi disperavo per l'incremento costante, stato un successo.

Adesso per voglio invertire il trend e non voglio farlo con la classica dieta "mediterranea": quella, a me, fa solo ingrassare.

Non mi interessa indossare il burqa della taglia 42... mi interessa stare bene con me stessa e con gli altri, ed essere serena.


La parte preparatoria dei rimorsi, di solito, e' abbastanza piacevole. (Marcello Marchesi)

Author sibelius 03/08/09 - 16:52
IPID: CCEF5857AC
Ribadisco. Ci sono passato pure io. Pure io non potevo allacciarmi le scarpe. Pure io dovevo sollevarmi le gambe per entrare in macchina.
Purtroppo non mi sono mai sentito un eroe.

Noto che quando faccio riferimento a cose che ci toccano dall'interno e metto in mezzo forse sbagliando la nostra concezione del mondo non ricevo mai risposte nel merito della faccenda. Peccato.

Ed il complicatissimo sistema ideologico che qui si costruisce attorno alla ciccia mi sa un po di tutte quelle storie sugli "illuminati" e sul piano rosacrociano per la conquista del mondo.

Scusatemi, sto leggendo Il pendolo di Foucault e mi vengono in mente quelle immagini.
Sibelius

Author Miranda 03/08/09 - 17:03
IPID: 354A836F2B
sono daccordo con sibe
in tutto e per tutto.
Pochi giorni fa una mia collega obesa
ha avuto un infarto...e i suoi discorsi
erano tutto uno scagliarsi contro i medici
piuttosto che ammettere che i rischi
sono gravissimi.un infarto puo' venire a
chiunque..ma non puoi permetterti di
essere obesa e dire che non centra nulla,
o che i dottori generalizzano.
del vizio e delle debolezze sono prigioniera.

Author Lilith 03/08/09 - 17:49
IPID: AF4F57443D
sibelius
Noto che quando faccio riferimento a cose che ci toccano dall'interno e metto in mezzo forse sbagliando la nostra concezione del mondo non ricevo mai risposte nel merito della faccenda. Peccato.



Forse non ricevi le risposte che ti aspetti, ma le risposte le ricevi... solo, sono tarate su altri registri...

Per esempio quando io parlo di "eroe" non sto magnificando me stessa e non mi propongo come un esempio da imitare: dico che mi sento tale per la mole di sforzi che mi trovo a dover affrontare... e che riesco a superare soprattutto con energia mentale, prima che fisica.

Perch energia da perdere nel massacrarmi di rimproveri sul perch sono arrivata ad essere cos grassa, non ne ho.
Ho preferito impegnarla, nel passato, per smettere di essere una mangiatrice compulsiva, per trovare una strada per arrestare l'incremento di peso, e, adesso, per cercare di spalare via sta ciccia in eccesso, ma in modo definitivo.

Per, lo ammetto, pu darsi che qualcosa nel tuo discorso mi sfugga... o che io non ci arrivi...

La parte preparatoria dei rimorsi, di solito, e' abbastanza piacevole. (Marcello Marchesi)

Author sibelius 03/08/09 - 18:06
IPID: CCEF5857AC
Lilith, qualcuno ha la testa sulle spalle e sa qual' il vero problema.
Altre persone invece hanno pensato bene di risolvere dicendo che il problema non un problema. Anzi, che basta sostituire un'"estetica" con un'altra agli antipodi per vivere felici ed in buona salute. Il che secondo me con l'autoaccettazione c'entra poco.

in mezzo ci sta il grottesco. In mezzo ci stanno le lamentele legittime di quelle donne che a tratti si rendono conto di essere state prese in giro da qualche maschio compiacente. A tratti ci sono donne che si ritrovano addirittura ingrassate da quando frequentano questo posto.
Poi ci sono quelle che si son dette cos non si pu andare avanti o che sono dimagrite per vicissitudini anche gravi (vedi il caso di grandeanima).
Ma inutile fare dell'ideologia come fa pulpe club. Occorre solo decidere dosa pi vantaggioso per s stessi.

Forse inutile che io chieda di sviscerare questo punto. So bene come qui alla fine dei giochi spunta sempre il cretino di turno che viene a mattere le dita nelle piaghe perch si diverte a stare affacciato alla finestra a veder piangere o peggio ancora il cretino imbecille che nella speranza di farsi una scopata senza sudare troppo vi dir: Tranquille siete belle cos, anzi ingrassate ancora di pi. E la cosa triste che facile cascarci.

Ho letto da qualche parte, che ti senti o ti sei sentita nauseata da questo posto, non credo che sia solo per le discussioni (scanne) politiche. Quelle basterebbe ignorarle.
Con l'ipocrisia che impera si fa un po' di fatica in pi.
Credo ci sia di pi. Ma in fondo alla fine dei conti saranno pure fatti tuoi...
Sibelius

Author Lilith 03/08/09 - 18:12
IPID: AF4F57443D
sibelius
Io invece mi auguro di essere sempre moderatamente grassofobo e di pensare alla mia salute indipendentemente dai gusti estetici e sessuali di una mia eventuale e futuribile compagna. Secondo me un po' di grassofobia non fa male. Il fatto che che temiamo pi che altro la grassofobia del prossimo che pi che altro solo stupidit: l'inveterata abitudine del divertirsi facendo soffrire gli altri e toccando volutamente i loro nervi scoperti.
Buttiamo a mare la grassofobia altrui. Benissimo, ma preserviamo e coccoliamo un po' la nostra. Sono certo che ne trarremmo dei benefici.



Concordo pienamente su tutto quel che hai detto: anche io sono grassofoba, nel senso pi sano del termine.
... E continuo per ad incavolarmi quando trovo le sedie con i braccioli nei locali... cos come mi arrabbio quando vedo certi luoghi ancora pieni di barriere architettoniche impossibili da superare per chi va in sedia a rotelle. Quello che mi offende il vivere in una societ che vuole a casa tutti quelli fuori norma e non cammina col passo del pi debole.


sibelius
Non so perch, ma io non ho avuto mai un rapporto conflittuale con i medici. Anche quando mi dicevano che dovevo dimagrire e me ne hanno mostrato la necessit.
E' stata solo fortuna la mia. A volte me la prendevo, ma pi con me stesso perch sapevo e so che ero io a dover impedire a me stesso di arrivare sino a 130 kg e decidere solo alla fine di metterci una pezza. Che colpa ne aveva il medico? La colpa era mia, cavolo!
Del resto, basterebbe il tuo elenco e la chiarezza con cui dimostri anche a chi non ci mai passato come peggiora la qualit della vita




Io, invece, avendo studiato biologia e tenendomi informata sulle questioni di salute relative ad alimentazione e problematiche dell'iperinsulinismo, di ignoranti saccenti e pericolosi ne ho incontrati a iosa.

Non considero i medici "infallibili" e prima di seguire piani dietetici voglio che mi spieghino, con chiarezza e competenza, le motivazioni della loro terapia. Se non ci riescono, vuol dire che vanno al traino di concetti triti e ritriti e mai messi criticamente in discussione o, di fatto, non mettono in conto di dover avere a che fare anche con una utenza che non si beve tutto per oro colato...
Uno dei motivi per i quali sono ingrassata velocissimamente stato dato da una cura sperimentale per una policistosi ovarica: hanno testato il farmaco e mi hanno abbandonata al mio destino... Magari, se mi avessero monitorato anche "dopo" avere scoperto che il farmaco era riuscito a curare le mie ovaie iperattive, avrebbero scoperto che la loro cura da eunuco forzato ha dato come risultato un bell'ingrassamento coi fiocchi. E che dire di certe cure postoperatorie che ti provocano dolori gastrici orrendi e tu confondi il dolore con il bisogno di mangiare urgentemente per lenirlo e invece non era altro che la conseguenza del dover prendere antinfiammatori senza un gastroprotettore?
Perch curare una causa senza pensare alla miriade di effetti collaterali che poi portano il/la paziente ad uno stato di grave sofferenza che rischia di cronicizzarsi?
No, thanks!
Io dei medici non solo non mi fido, ma pretendo che mi facciano capire con chiarezza che sanno cosa stanno facendo, come e perch. SEMPRE.


sibelius
Cicciona=bona, maliziosa e godereccia? E' solo un altro stereotipo, non differente dal punto di vista ontologico dall'equazione magra=gnocca. E' uno stereotipo comodo per noi perch ci stiamo dentro e sappiamo che la situazione non che si risolva dalla sera alla mattina. Ma non tutto quello che ci fa comodo o che ci fa piacere bene.



Credimi... stare su bibivu potrebbe semplificare enormemente la vita ad una cicciona (dal punto di vista sessuale e/o sentimentale), ma o di un uomo che vuole accoppiarsi con uno stereotipo non riesco ad interessarmi... sar che io NON SONO "LO" stereotipo...

sibelius
P.S. E' solo nei catoni animati che i Panda possono assumere quella posizione. Io sono dimagrito e ancora ho strada da fare e ancora ad assumere quella posizione non ci riesco.



Ti invito a vedere il cartoon ("kung Fu Panda"): delizioso. Racconta di un panda ciccione che ha un sogno e si impegna duramente per renderlo vero e concreto... e di un maestro che gli insegna ad aver fiducia in se stesso. E' una metafora: ovvio che nessuna persona della mia et (48) e del mio peso (121) possa fare "quel" movimento... ma avviare il processo che ha portato quel giovane panda a combattere (e vincere) il nemico pi pericoloso... beh quello si....
La parte preparatoria dei rimorsi, di solito, e' abbastanza piacevole. (Marcello Marchesi)

Author Lilith 03/08/09 - 18:31
IPID: AF4F57443D
sibelius
Lilith, qualcuno ha la testa sulle spalle e sa qual' il vero problema.
Altre persone invece hanno pensato bene di risolvere dicendo che il problema non un problema. Anzi, che basta sostituire un'"estetica" con un'altra agli antipodi per vivere felici ed in buona salute.



Lo so... un grande autoinganno... ma per qualcuno pu essere forse l'ultima spiaggia per poter ricominciare a dare un po' di luce e di serenit alla propria vita... ben venga se ti da un po' di respiro e ti aiuta, per, poi, a riflettere sulle scelte che hai fatto e a dove ti porteranno... e se l dove ti porteranno hai proprio voglia di andarci...


sibelius
in mezzo ci sta il grottesco. In mezzo ci stanno le lamentele legittime di quelle donne che a tratti si rendono conto di essere state prese in giro da qualche maschio compiacente. A tratti ci sono donne che si ritrovano addirittura ingrassate da quando frequentano questo posto.



Per queste donne, credimi, non provo alcuna pena: sono donne adulte. Hanno scelto di fare le loro esperienza: se poi all'avventuretta non seguito l'amore e si sentono defraudate stanno vivendo, n pi n meno, le stesse esperienze di milioni di altre donne che si ostinano a voler attribuire ad un incontro casuale un valore sentimentale che non c'era in nuce e che solo loro hanno voluto vedere... nessuno le ha costrette.
E non provo nemmeno pena per quelle che hanno il patner talmente grassofilo da farle intortare come delle Saint Honor: tutta questione di scelte, nella vita. C' stato sicuramente un momento in cui hanno capito con chi avevano a che fare: se hanno deciso di rimanerci insieme, buon per loro. Auguro loro molta felicit (davvero).

Io al momento in cui ne ho avuto sentore sono scappata a gambe levate: sorry... non ho bisogno di aiuti per diventare un'ippopotama... ci basto da me!


sibelius
Ho letto da qualche parte, che ti senti o ti sei sentita nauseata da questo posto, non credo che sia solo per le discussioni (scanne) politiche. Quelle basterebbe ignorarle.
Con l'ipocrisia che impera si fa un po' di fatica in pi.
Credo ci sia di pi. Ma in fondo alla fine dei conti saranno pure fatti tuoi...



Si vero... tu non c'eri a quel tempo, ma era tutto un fiorire di elegie a sostegno di svastiche naziste, croci celtiche e pseudodiscussioni impegnate sul tema. Poi venne il periodo della vittoria del Grande Silvio e di tutte le elegie a suo onore: era il periodo del "noi contro voi", "noi siamo noi e voi non siete un cazzo" ecc ecc ecc

Ecco, a me ste cose danno il voltastomaco... soprattutto quando i discorsi degenerano in risse, quando l'insulto gratuito, quando si perde il senso della misura e del rispetto. In quei casi bibivu mi sembrato ostaggio di un'orda di selvaggi.
Premetto che con molti polemisti doc, qui, io sono in ottimi rapporti e c' anche stima reciproca, per quanto si sia appartenenti a sponde lontanissime...

Se pensi a litigi con utenti di bibivu, o a delusioni amorose, qui, siamo fuori pista, Sibelius... io quando sono entrata nella com sono rimasta perch attratta dall'opportunit di confronto con persone che vivevano problemi simili ai miei, ma non cercavo amici, n compensazioni, n fidanzati o amanti o altro. Non sono brutta: qualche ramazzata me la sarei potuta fare anch'io. Ma non era quello che cercavo, qui.

Ogni tanto mi allontano per disintossicarmi... poi ritorno e, se sento che la spinta a leggere e scrivere affiora ancora, allora mi diverto ad intervenire... quando non la sentir pi vorr dire che questa esperienza avr fatto il suo tempo. Non rientrer per porte secondarie usando nick di riserva...
La parte preparatoria dei rimorsi, di solito, e' abbastanza piacevole. (Marcello Marchesi)

Author sibelius 04/08/09 - 17:53
IPID: CCEF5857AC
Lilith
Se pensi a litigi con utenti di bibivu, o a delusioni amorose, qui, siamo fuori pista, Sibelius... io quando sono entrata nella com sono rimasta perch attratta dall'opportunit di confronto con persone che vivevano problemi simili ai miei, ma non cercavo amici, n compensazioni, n fidanzati o amanti o altro. Non sono brutta: qualche ramazzata me la sarei potuta fare anch'io. Ma non era quello che cercavo, qui



Lasciamo stare i fidanzatini di Peinet, non era a quelli che pensavo n a scazzi di origine sentimentale perch la voglia di scappare, allorquando nascevano le recenti discussioni del tipo noi contro voi e le elegie a Silvio (come se gi non bastasse Sandro Bondi), l'ho avuta pure io e l'ho anche fatto. E accadr ancora quando vedr la rissa riscatenarsi.
Sibelius

^top^
previous topic  << 1  2  3  4  5  >>  next topic

Last Logged-in Users
giovanni8118
 giovanni8118
(253 hits)
Ragazzo78
 Ragazzo78
(5,302 hits)
Sam68
 Sam68
(623 hits)
pinguina
 pinguina
(8,284 hits)
marcello58
 marcello58
(14,280 hits)

Users On-Line

We have 112 users
2 members
110 guests

record on 13/09/17: 212

view complete list
[+]

Donations

 €
Locations of visitors to this page (counting)
eXTReMe Tracker
  bibivu v.4.3.029
  Fabrizio Parrella © 1996 - 2017
 Page created in 0.4477 Secs
96.55% mysql, 3.45% php
 21 mysql queries