bibivu :: Perche' i chili non definiscono una persona
http://www.bibivu.com
List all the banners
  • italiano espa�ol

the WALL

  • Master70brescia: apoteosi 8 uomini zero fighe :-) w la qualit :-)
  • Freeda: buona serata a tutti :*
  • masino1967: sabi :*
  • sabisaby: Ciao Masino.. .:)
  • masino1967: Buon giorno naviganti senza bussola! baci abbracci e cornetti alla nutella :) ...eccetera eccetera eccenerentola...
  • seasparrow: yaawwwnnnn
  • ezanfi1980: Ciao!
  • seasparrow: ciao a tutte/i
  • metal91: ciao chi chatta?
  • Silver_Surfer: Ma la neve brutta... fredda 😂✌

Forums

Group: Visitors

Categories:  >  Canali Canali  >  Come Stai Come Stai  >  30270
Please Login
Please Login
952 Topics
10,774 Posts
<< 1  2  
depressione

Author elegance 05/11/09 - 15:59
IPID: 0B76D28233
abbidubbi
Tempo fa consigliai un libro a una mia amica un po' depressa. Dopo averlo letto mi disse, grata, che non aveva pi "il coraggio" di deprimersi. Si "vergognava" di provare quei sentimenti di distacco dalla realt che ha ben descritto caramellina. Certo non dico che una semplice lettura sia la panacea assoluta per tutti ma.... tentar non cuoce :D
Il libro in questione "Bianco su nero" di Ruben Gallego. Non la prima volta che lo segnalo qui su bibiv perch credo davvero che sia un libriccino importante e soprattutto illuminante. Inoltre, non essendo uno psico farmaco, privo di effetti collaterali, dunque male non fa. ;)

Sono abbastanza convinto che un buon aiuto per combattere la depressione sia una ragionevole dose di coccole, attenzioni, premure (i pi romantici possono condensare queste tre parole in una: amore). In giusta qualit e quantit.

Per coadiuvare la "terapia", si potrebbe fare qualcosa per la propria autostima, ergo la visione di qualche secondo (non di pi, mi raccomando) di Amici e la Defilippi o anche fugaci letture di un qualsiasi post di elegance possono dare risultati confortanti.




meno male che non hai proposto l'uso della droga...
fai passi avanti....

p.s.r.l: ecco un altro che non ha ben chiara la differenza tra LA depressione e l'essere "un p depressi".....
BANzaiiiiiiiii ! ! ! ! !

Author rev.Geims 05/11/09 - 17:25
IPID: 19803D51B3


depressione un termine abbastanza recente
una volta si chiamava esaurimento nervoso quando non era riconosciuta come patologia vera e propria
il male oscuro-il male subdolo
il piu' delle volte c' una causa che innesca questo meccanismo silente:

l'abbandono

la solitudine deprimente, una forma di abbandono..abbandonati a se stessi
essere piantati,un tradimento,divorziare, fa perdere delle certezze,ribalta tutto quanto
sei abbandonato da chi ti stava accanto
ritorni solo
riecco la solitudine
di nuovo abbandonati a se stessi


il suicidio tante volte l'epilogo di tutto questo


si viene abbandonati quando si licenziati,quando l'azienda chiude
si perde una certezza
france telecom e la sua ristrutturazione
23 suicidi tra i dipendenti dal febbraio 2008


Author momalia 06/11/09 - 12:50
IPID: F02C61C0C1
Del male oscuro se ne guarisce o se ne esce, mettetela come volete, quando non si oltrepassato un confine immaginario che porta alla follia...
Chi ne ha sofferto, ricorrendo a terapia farmacologica e psicologica, porta comunque cicatrici dentro che sono tanto cucite male quanto la solidit mentale non ha raggiunto un buon livello...
consideriamo inoltre, che danni ancora maggiori sono inflitti da terapisti cialtroni o medici che prescrivono psicofarmaci come fosse far bere un bicchiere d'acqua e spesso si peggiorano le cose piuttosto che migliorarle.

Uscirne o meno una comnistione di tanti fattori... gravit... volont... persone che incontri, terapisti validi che capiscano esattamente qual la natura e l'origine del disturbo e... non da ultimo, anzi oserei dire fondamentale... un gran culo!


... anche no

Author orianna 06/11/09 - 16:17
IPID: 7ED2376640
abbidubbi
Tempo fa consigliai un libro a una mia amica un po' depressa. Dopo averlo letto mi disse, grata, che non aveva pi "il coraggio" di deprimersi. Si "vergognava" di provare quei sentimenti di distacco dalla realt che ha ben descritto caramellina. Certo non dico che una semplice lettura sia la panacea assoluta per tutti ma.... tentar non cuoce :D
Il libro in questione "Bianco su nero" di Ruben Gallego. Non la prima volta che lo segnalo qui su bibiv perch credo davvero che sia un libriccino importante e soprattutto illuminante. Inoltre, non essendo uno psico farmaco, privo di effetti collaterali, dunque male non fa. ;)

Sono abbastanza convinto che un buon aiuto per combattere la depressione sia una ragionevole dose di coccole, attenzioni, premure (i pi romantici possono condensare queste tre parole in una: amore). In giusta qualit e quantit.

Per coadiuvare la "terapia", si potrebbe fare qualcosa per la propria autostima, ergo la visione di qualche secondo (non di pi, mi raccomando) di Amici e la Defilippi o anche fugaci letture di un qualsiasi post di elegance possono dare risultati confortanti.



Non so come spiegarlo, risulta lagnoso, forse
Io non potrei leggere un libro simile: piangere dalla prima pagina
Ce l'ho, ma non ho il coraggio di iniziarlo
Per quanto il messaggio sia positivo, la tristezza della situazione mi colpisce cos profondamente da non poterla reggere
Quando si ha una sindrome come quella che ho io, in determinati periodi qualsiasi tipo di emozione trafigge, viene letta come propria
Certo che una situazione infantile, narcisistica, egocentrica ma non felice, lo giuro, molto dura da reggere
Un'empatia sterile e devastante
Non sono mai andata da cattivi medici, a volte non vado dai medici del tutto
Ora sono di nuovo in analisi, da pochissimo, e spero che mi aiuti
Io credo di si
Mi ricordo che qualcuno, un po' di anni fa, aveva denigrato la mia sincerit: non chiedo aiuto, so che non possibile
E' solo per raccontare, come uno che racconta la sua vita senza una gamba
Verissimo che l'amore fa molto, che gli abbracci e le coccole danno conforto
Lo so, per questo non ne lesino pi
ori

Author O_tavros 07/11/09 - 10:02
IPID: D1DE54F68F
Il primo vero passo verso la guarigione la consapevolezza della malattia..
che essa venga da un dialogo o da una lettura o da altro..se si consapevoli
si comincia a guarire...

Vins
Se sei amico dell'orso dormi vicino l'accetta!

Author elegance 08/11/09 - 23:18
IPID: 3E1482372B
scusate se mi permetto ancora di intervenire ma credo che ci sia un p di confusione. La depressione intesa come vera e propria malattia mentale dovrebbe essere una cosa; il sentirsi un p "depressi" o gi di morale dovrebbe essere altro.
Personalmente (per fortuna) non ho visto veri depressi ma da quello che ho sentito trattasi di una grave patologia che porta il soggetto ad intere giornate incapace di alzarsi dal letto, incapace di comunicare, incapace a quasi tutto.......
il resto ci che + o meno abbiamo tutti provato nella vita. E' essere tristi, sfiduciati, scazzati...
Credo ci sia una bella differenza.
BANzaiiiiiiiii ! ! ! ! !

Author gloster 11/10/11 - 01:22
IPID: 7CFA420E8F
Scusate se mi permetto di riportare in vetta questo topic, ma mi premeva precisare alcune cose.

Innanzi tutto concordo che l'essere gi di umore, non ha niente a che fare con la depressione VERA e propria.

Secondariamente di tipologie di depressioni ne esistono di vari tipi, e diversi sono i sintomi e le cause che le generano.

Ad esempio ho letto in un post che "l'abbandono" porta depressione, vero...ma la depressione che ne deriva un effetto secondario di un disturbo di personalit( borderline), latente, che l'abbandono porta in superficie...terminando spesso in violente crisi depressive.

La forma di depressione pi grave, (maggiore), porta il soggetto colpito ad una totale apatia, totale impossibilit di alzarsi da letto, mancanza di forze, con pensieri truci spessissimo concentrati sul come suicidarsi.

Anche dopo averne preso coscienza spesso la totale apatia porta a rinunciare a priori a chiedere aiuto esterno, perch il senso di inutilit che si prova, fa ritenere al soggetto depresso che sia impossibile curarsi.

Posso dire, per esperienza diretta, che solo una grande forza di volont pu essere la base per cominciare a risolvere il problema, ed una buona dose di fortuna nel trovare lo psichiatra giusto che sappia prescrivere una corretta terapia farmacologica, ed ahim qui da noi, in tanti sono abituati a riempire i pazienti di benzodiazepine a go go....ponendoli in uno stato letargico, senza affrontare realmente il roblema.

Altra cosa veramente fondamentale quella di affiancare ad una corretta terapia farmacologica, un adeguato percorso di analisi, nel quale, spesso la difficolt pi grossa quella di riuscire a non nascondersi ma di affrontare i nodi, le cause, i sintomi con obbiettivit, anche se questi spesso sono assai dolorosi.

E' sicuramente importante anche la presenza al proprio fianco di persone care, ma quanti, che sono passati nella depressione, sono stati realmente compresi per quello che stavano passando???
MAX

Author marco2002photo marco2002photo 11/10/11 - 10:49
IPID: C8A1653ADA
Grazie Gloster per aver riportato in alto questo thread.
Sei nuovo ed hai gi avuto modo di comprendere che la partecipazione la base
della nostra community, complimenti e continua cos ;) ciao.
marco 2002 - moderatore Forum Principale

^top^
previous topic  << 1  2    next topic

Last Logged-in Users
jonny80
 jonny80
(1,015 hits)
mimmo50
 mimmo50
(777 hits)
Morbidoso73
 Morbidoso73
(171 hits)
poetica
 poetica
(2,240 hits)
diablo-street
 diablo-street
(195 hits)

Users On-Line

We have 92 users
9 members
83 guests

record on 13/09/17: 212

view complete list
[+]

Donations

 €
Locations of visitors to this page (counting)
eXTReMe Tracker
  bibivu v.4.3.029
  Fabrizio Parrella © 1996 - 2017
 Page created in 0.2483 Secs
93.93% mysql, 6.07% php
 21 mysql queries