bibivu :: Perche' i chili non definiscono una persona
http://www.bibivu.com
List all the banners
  • italiano espa�ol

the WALL

  • seasparrow: yaawwwnnnn
  • ezanfi1980: Ahaaa....lo hai notato anche tu allora.... 🤣
  • Freeda: ... e a giudicare dalla presenza soverchiante e caparbia di visite maschili ai profili maschili... direi che quasi quasi togliamo definitivamente il disturbo... :D
  • ezanfi1980: ....ma guarda che capita spessissimo
  • Master70brescia: apoteosi 8 uomini zero fighe :-) w la qualit :-)
  • Freeda: buona serata a tutti :*
  • masino1967: sabi :*
  • sabisaby: Ciao Masino.. .:)
  • masino1967: Buon giorno naviganti senza bussola! baci abbracci e cornetti alla nutella :) ...eccetera eccetera eccenerentola...
  • seasparrow: yaawwwnnnn

Forums

Group: Visitors

Categories:  >  Canali Canali  >  Come Stai Come Stai  >  30783
Please Login
Please Login
952 Topics
10,774 Posts
<< 1  2  3  4  5  >>
ADDIO...

Author LaPucci 06/06/10 - 02:24
IPID: F4F4BAB3A7
Lilith, pasta di farro no? strano tu sia intollerante anche al kamut...


Qual la differenza tra allergie e intolleranze alimentari?
La reazione negativa al cibo spesso erroneamente definita allergia alimentare. In molti casi provocata da altre cause come unintossicazione alimentare di tipo microbico, unavversione psicologica al cibo o unintolleranza ad un determinato ingrediente di un alimento.

Lallergia alimentare una forma specifica di intolleranza ad alimenti o a componenti alimentari che attiva il sistema immunitario. Un allergene (proteina presente nellalimento a rischio che nella maggioranza delle persone del tutto innocua) innesca una catena di reazioni del sistema immunitario tra cui la produzione di anticorpi. Gli anticorpi determinano il rilascio di sostanze chimiche organiche, come listamina, che provocano vari sintomi: prurito, naso che cola, tosse o affanno. Le allergie agli alimenti o ai componenti alimentari sono spesso ereditarie e vengono in genere diagnosticate nei primi anni di vita.

Lintolleranza alimentare coinvolge il metabolismo ma non il sistema immunitario. Un tipico esempio lintolleranza al lattosio: le persone che ne sono affette hanno una carenza di lattasi, lenzima digestivo che scompone lo zucchero del latte.



4.1.2. Intolleranza al glutine
Lintolleranza al glutine una disfunzione intestinale che si manifesta quando il corpo non tollera il glutine (proteina presente nel grano, nella segale, nellorzo e nellavena, anche se questultima oggetto di controversie e di ricerche per stabilirne leffettivo ruolo). La diffusione della malattia, comunemente chiamata celiachia o intolleranza al glutine, sottostimata. Gli esami serologici rilevano questa malattia, che altrimenti non verrebbe diagnosticata, in 1 individuo su 100 della popolazione Europea (con differenze regionali).

La celiachia una disfunzione permanente e pu essere diagnosticata a qualsiasi et. Se la persona che ne affetta consuma un alimento contenente glutine, le pareti di rivestimento dellintestino tenue si danneggiano e subiscono una riduzione della capacit di assorbire nutrienti essenziali quali grassi, proteine, carboidrati, minerali e vitamine. I sintomi includono diarrea, debolezza dovuta a perdita di peso, irritabilit e crampi addominali. Nei bambini, possono manifestarsi sintomi di malnutrizione come, ad esempio, una crescita insufficiente. Attualmente, lunico aiuto per i pazienti celiaci una dieta priva di glutine. I centri di dietologia e le organizzazioni di informazione sulla celiachia mettono a disposizione gli elenchi degli alimenti privi di glutine. Escludendo tale sostanza dalla dieta, lintestino si ripara gradualmente e i sintomi scompaiono.

Sono in corso ricerche per individuare lesatta natura e sequenza degli aminoacidi del glutine che determinano la celiachia e queste conoscenze potrebbero costituire, in futuro, la base per lapplicazione della biotecnologia allo sviluppo di cereali che non causano intolleranza.

http://www.eufic.org/article/it/page/BARCHIVE/expid/basics-allergie-intolleranze-alimentari/
------------------------------------------
Utilizzando la legge di guarigione totale, il soggetto che soffre di una patologia e al quale stata diagnosticata un'intolleranza, nel momento in cui elimina l'intolleranza, deve guarire dal suo problema: un generico leggero miglioramento o un semplice allungamento delle recidive deve far continuare l'indagine delle cause al di fuori del campo alimentare. In altre parole non si deve incorrere nell'errore di monocausa, rapportando ogni stato del soggetto al suo profilo alimentare.
Credi di avere un'intolleranza alimentare? - Abbiamo esaminato 86 casi di soggetti che lamentavano presunte intolleranze (nessuno di essi era risultato intollerante ai test per la celiachia o per il lattosio condotti con i metodi della medicina ufficiale) e che erano risultati positivi a test vari nell'ambito della medicina alternativa. Molti di essi lamentavano sintomi genericamente riconducibili all'apparato digerente, altri stanchezza, altri sintomatologia dermatologica o respiratoria. Alla fine dell'esame un risultato eclatante: NESSUNO di loro aveva un buon stile di vita. Anzich pensare a intolleranze avrebbero sicuramente fatto meglio a migliorare prima il loro stile di vita.

http://www.albanesi.it/Salute/intolleranze.htm
Me, myself and I

Author darkly darkly 19/06/10 - 10:03
IPID: C8A1653ADA
E' da un po' che penso anch'io a quello che mangio e le varie reazioni..
L'anno scorso di questi periodi ho iniziato un lavoro e allo stesso tempo ad avere pasti ai soliti orari, a pranzo spesso gnocchi di patate a con vari condimenti comunque leggeri (con la gastroplastica non riesco pi
a mangiare la pasta), a volte un sacondo; E con la soddisfazione nel lavoro, quindi allegria e leggerezza mentale, ho perso quasi 20 kg senza fare alcuna minima dieta.
Ho perso il lavoro intorno a febbraio, ne ho ripresi circa 5 e da 4 settimane ho cominciato un nuovo lavoro, niente allegria perch devo fare la creativa sull'attenti e il "riposo" non c' mai dalla mattina alla sera, per mangio spesso insalata mista con qualche crostino dorato, un cucchiaio di cubetti di prosciutto e formaggio, un cucchiaio di olio e di aceto balsamico con un pizzichino di sale, alterno una piadina col cotto (giusto 2 fette), oppure del riso freddo o dei tramezzini che preparo a casa, per risparmiare.. dato che prendo 300 euro al mese, a 25km da casa e non posso permettermi di mangiare in un self o in un bar.
E insomma, sento molto di pi la fame, sicuramente nervosa, rispetto all'anno scorso e anche se in proporzione il livello di calorie che conteggio quasi identico, per cambia completamente il livello dei farinacei.. dalle patate dei gnocchi a quelli molto pi elaborati come il crostino, la piadina, il pane da tramezzino, ecc.
In 4 settimane ho perso nelle prime due 2 kg, sicuramente perch ho cambiato di nuovo alimentazione, e adesso sono di nuovo stabile, senza perdere peso.
Tra l'altro ho notato che quando mangio cose contenenti lievito, nel giro di 8-10 ore mi si forma un sacco d'aria nell'intestino e che se non faccio colazione alla mattina, con latte e cereali come sempre, ho un perenne senso di fame dalla mattina alla sera che mi fa venire voglia di mangiare il triplo del normale.
E' da gennaio che inizio a pensare di essere intollerante al lievito e ai companatici industriali (per gli additivi e tutto il resto)..


Non ho mai avuto molta fiducia verso il vegatest, ma mi sa che appena posso lo far.. Certo che con 300 euro al mese, spese di 120 euro per il gasolio pi quelle di manutenzione, non credo sar molto presto!
Quando io sto fermo perch ho qualcosa in mente..

Author altomare 20/06/10 - 10:08
IPID: 9AD10A15B3
Ancora si continua a chiamare la celiachia intolleranza? la celiachia una vera e prorpia ALLERGIA. Il glutine contenuto in alcuni alimenti attiva il sistema immunitario che produce immuno gloguline specifiche per quella proteina. Le immuno globuline rimangono in circolo PER TUTTA LA VITA quindi per tutta la vita, l'organismo risponder all'invazione di quell'allergene provocando una risposta immunitaria che puo essere piu o meno evidente, piu o meno importante.
Nella celiachia la risposta immunitaria non ha sintomi molto evidenti: diarrea, dolori addominali ecc in alcuni casi l'unico sintomo per nulla evidente la crescita rallentata dei bambini.
L'insulto dell'allergene (la proteina del glutine) influisce sulle cellule dell'intestino tenue, questo insulto provoca una apoptosi (auto eliminazione) continua delle cellule che invece di essere sostituite con le stesse vengono sostituite con cellule non funzionali provocando un appiattimento dei villi intestinali.
la mucosa del celiaco infatti, al microscopio appare non piu con estroflessioni ma piu o meno appiattita. Prorpio per la scarsa presenza dei villi intestinali, destinati all'assorbimento dei nutrienti, il soggetto celiaco ha carenza di assorbimento e rallentamento della crescita.
QUINDI il celiaco essendo un soggetto allergico deve evitare PER TUTTA LA VITA i cibi contenenti glutine.

LE INTOLLERANZE invece sono piccole deficienze della presenza di enzimi destinati alla scissione di vari elementi per essere assorbiti nell'organismo
L'intolleranza al LATTOSIO la carenza dell'enzima LATTASI che si trova nel nostro intestino. la sua assenza parziale o totale provoca diarrea.
L'enzima prodotto dai batteri del nostro organismo, che per varie ragioni (antibiotico terapia), si trova in quantita insufficiente per produrre l'anzima. I batteri per si riformano in continuazione quindi basta un periodo di riposo dell'intestino dalla presenza di quell'alimento per ripristinare la flora batterica
QUINDI, l'intolleranza un deficit momentaneo di un enzima che puo essere ripristinato in poco tempo e l'intolleranza ha dei sintomi chiari e riconoscibili.
LE PROVE DELL'INTOLLERANZA sono costosissime e NON NE VALE LA PENA basta ascoltare il nostro organismo per riconoscerle. e soprattutto non sono RICONOSCIUT VALIDE da alcuni medici.
QUINDI non vi fate FREGARE I SOLDI


parola d'ordine: chiuchino

Author Lilith 20/06/10 - 11:38
IPID: 4E1967A72B
altomare
Ancora si continua a chiamare la celiachia intolleranza?



il tread l'ho aperto io e, ad una specifica domanda di momalia sulle indagini mediche che avevo fatto ho specificato di aver fatto i test (COSTOSI PURE QUESTI) di intolleranza al glutine. Negativi.

E' la prima cosa che, col mio medico curante abbiamo voluto escludere.

E quindi?
La parte preparatoria dei rimorsi, di solito, e' abbastanza piacevole. (Marcello Marchesi)

Author altomare 20/06/10 - 20:03
IPID: 283368FC16
le analisi per accertare la celiachia sono un semplice esame del sangue. si ricercano le IgE specifiche e si paga un ticket. se risultano presenti si passa a una colonscopia con prelievo bioptico della mucosa intestinale.
Di li si ottiene la conferma della mutazione delle cellule e della presenza piu o meno dei villi intestinali.
questo si svolge tutto in ospedale, con ricetta del medico e ticket.
la spesa quindi ridotta al minimo. in alcuni ospedali aprono anche un DH per gli accertamenti ulteriori.
Il gastroenterologo accerter la malattia e si puo ottenere l'esenzione dal ticket e dalla spesa per i prodotti senza glutine da prendere in farmacia.

Hai fatto l'analisi delle IgE?

parola d'ordine: chiuchino

Author LaPucci 20/06/10 - 20:10
IPID: 476E8B04C9
altomare
Ancora si continua a chiamare la celiachia intolleranza? la celiachia una vera e prorpia ALLERGIA. Il glutine contenuto in alcuni alimenti attiva il sistema immunitario che produce immuno gloguline specifiche per quella proteina. Le immuno globuline rimangono in circolo PER TUTTA LA VITA quindi per tutta la vita, l'organismo risponder all'invazione di quell'allergene provocando una risposta immunitaria che puo essere piu o meno evidente, piu o meno importante.
Nella celiachia la risposta immunitaria non ha sintomi molto evidenti: diarrea, dolori addominali ecc in alcuni casi l'unico sintomo per nulla evidente la crescita rallentata dei bambini.
L'insulto dell'allergene (la proteina del glutine) influisce sulle cellule dell'intestino tenue, questo insulto provoca una apoptosi (auto eliminazione) continua delle cellule che invece di essere sostituite con le stesse vengono sostituite con cellule non funzionali provocando un appiattimento dei villi intestinali.
la mucosa del celiaco infatti, al microscopio appare non piu con estroflessioni ma piu o meno appiattita. Prorpio per la scarsa presenza dei villi intestinali, destinati all'assorbimento dei nutrienti, il soggetto celiaco ha carenza di assorbimento e rallentamento della crescita.
QUINDI il celiaco essendo un soggetto allergico deve evitare PER TUTTA LA VITA i cibi contenenti glutine.

LE INTOLLERANZE invece sono piccole deficienze della presenza di enzimi destinati alla scissione di vari elementi per essere assorbiti nell'organismo
L'intolleranza al LATTOSIO la carenza dell'enzima LATTASI che si trova nel nostro intestino. la sua assenza parziale o totale provoca diarrea.
L'enzima prodotto dai batteri del nostro organismo, che per varie ragioni (antibiotico terapia), si trova in quantita insufficiente per produrre l'anzima. I batteri per si riformano in continuazione quindi basta un periodo di riposo dell'intestino dalla presenza di quell'alimento per ripristinare la flora batterica
QUINDI, l'intolleranza un deficit momentaneo di un enzima che puo essere ripristinato in poco tempo e l'intolleranza ha dei sintomi chiari e riconoscibili.
LE PROVE DELL'INTOLLERANZA sono costosissime e NON NE VALE LA PENA basta ascoltare il nostro organismo per riconoscerle. e soprattutto non sono RICONOSCIUT VALIDE da alcuni medici.
QUINDI non vi fate FREGARE I SOLDI



esatto, ALCUNI...
Me, myself and I

Author altomare 21/06/10 - 22:19
IPID: 21878FAC41
IDROCOLONTERAPIA? mo me la spiegate!
parola d'ordine: chiuchino

Author Lilith 22/06/10 - 23:58
IPID: 4146C5660E
altomare
le analisi per accertare la celiachia sono un semplice esame del sangue. si ricercano le IgE specifiche e si paga un ticket. se risultano presenti si passa a una colonscopia con prelievo bioptico della mucosa intestinale.
Di li si ottiene la conferma della mutazione delle cellule e della presenza piu o meno dei villi intestinali.
questo si svolge tutto in ospedale, con ricetta del medico e ticket.
la spesa quindi ridotta al minimo. in alcuni ospedali aprono anche un DH per gli accertamenti ulteriori.
Il gastroenterologo accerter la malattia e si puo ottenere l'esenzione dal ticket e dalla spesa per i prodotti senza glutine da prendere in farmacia.

Hai fatto l'analisi delle IgE?



Ovvio. Ti ho detto che ho fatto gli esami per verificare se c'era intolleranza al glutine. Quindi ho fatto tutta la batteria di analisi che con semplice prelievo di sangue potevano essere fatte prima di passare a quelle successive.
La spesa non affatto ridotta al minimo: ho speso oltre 70 euro. Evidentemente il medico di base ha aggiunto altre analisi oltre quelle di rito che, probabilmente, non erano coperte dal SSN.

Non sono risultata celiaca, anche se evidente una vivace attivit immunitaria (che era stata messa in evidenza anche dalle analisi per verificare se avevo allergie: risposta istaminica molto elevata ma nessuna allergia specifica evidenziata).
La parte preparatoria dei rimorsi, di solito, e' abbastanza piacevole. (Marcello Marchesi)

Author altomare 23/06/10 - 23:38
IPID: 82238F83D2
non so se hai fatto le analisi in un centro convenzionato ma se le hai fatte in ospedale hai solo pagato il ticket anche se di 70 euro!
e comuqnue ripeto che non si ouo essere intolleranti al glutine ma allergici!
parola d'ordine: chiuchino

Author TheDarkPrincess 24/06/10 - 00:38
IPID: D339DBABD3
altomare
IDROCOLONTERAPIA? mo me la spiegate!



e da dove esce la idrocolonterapia in questo thread?

^top^
previous topic  << 1  2  3  4  5  >>  next topic

Least Visited Users
ClauXXX
 ClauXXX
(21 hits)
Orso1967
 Orso1967
(46 hits)
Carmelos
 Carmelos
(49 hits)
alemi72
 alemi72
(53 hits)
falco74
 falco74
(53 hits)

Users On-Line

We have 113 users
5 members
108 guests

record on 13/09/17: 212

view complete list
[+]

Donations

 €
Locations of visitors to this page (counting)
eXTReMe Tracker
  bibivu v.4.3.029
  Fabrizio Parrella © 1996 - 2017
 Page created in 0.3465 Secs
95.55% mysql, 4.45% php
 21 mysql queries