bibivu :: Perche' i chili non definiscono una persona
http://www.bibivu.com
List all the banners
  • italiano espa�ol

the WALL

  • Silver_Surfer: Buona giornata ✌
  • ezanfi1980: ...buon soleggiatomafreddoloso giorno, che l'ozio e la nullafacenza sia con voi...o per lo meno con me di sicuro!!
  • ghiacciolo: Buonasera a tutti... ^_^
  • connemara: A parte qualcuno..... ^_^
  • seasparrow: e' meglio cosi' piuttosto che peggio di cosi'
  • jonny80: Va be, meglio pochi ma buoni 😜
  • Denix: Sempre il solito insomma @connemara
  • connemara: Rientro dopo un po'.. ed in effetti sempre gli stessi online.. e sempre tanti i visitatori.. sempre gli stessi montatori seriali...
  • Freeda: ... a foza di guardarmi sempre alle spalle XD
  • Freeda: rivolgo un disperato appello agli oltre 130 utenti online: REGISTRATEVI!! la lista dei loggati la stessa da giorni ed inquietante... il Montatore mi ha fatto venire il torcicollo, a forza di guard

Forums

Group: Visitors

Categories:  >  Canali Canali  >  Come Stai Come Stai  >  30787
Please Login
Please Login
952 Topics
10,774 Posts
<< 1  2  
chirurgia dell'obesit

Author Wassertrum 05/06/10 - 02:27
IPID: 4A3A175A61
Lapucci, per una volta sono d'accordo con te al 100%... ora per, per la gravit di questo avvenimento, non farti strapazzare i visceri eh
Ti guardo e ti fulmino

Author LaPucci 05/06/10 - 03:45
IPID: 82238F83D2
Wassertrum
Lapucci, per una volta sono d'accordo con te al 100%... ora per, per la gravit di questo avvenimento, non farti strapazzare i visceri eh



nono Wasse, me li tengo come sono i visceri hahaha, tranquillo!
Me, myself and I

Author occhidigiada occhidigiada 05/06/10 - 12:06
IPID: 9CFBED4FB9
Io penso che sia solo una strategia globale a permettere il raggiungimento dell'obiettivo: negli ultimi 6 mesi ho fatto palestra x bene 3/4 volte a settimana,ma come potrai ben immaginare non essendo un fuscello un ginocchio che da sempre mi da fastidio mi complica la vita...Per questo ti dico vorrei tentare con un intervento e continuare con le altre cose, non avevo proprio intenzione di farmi un intervento e mangiare i barattoli di nutella!Oltre tutto c' da dire che ognuno ha il suo quadro clinico che va valutato con scrupolo...Non credo ci sia nulla di male nell'utilizzare un piccolo aiuto se si ben consci che l'0intervento non un rimedio miracoloso!
e il naufragar m' dolce in questo mare...

Author LaPucci 05/06/10 - 12:41
IPID: 37B1C4C455
occhidigiada
Io penso che sia solo una strategia globale a permettere il raggiungimento dell'obiettivo: negli ultimi 6 mesi ho fatto palestra x bene 3/4 volte a settimana,ma come potrai ben immaginare non essendo un fuscello un ginocchio che da sempre mi da fastidio mi complica la vita...Per questo ti dico vorrei tentare con un intervento e continuare con le altre cose, non avevo proprio intenzione di farmi un intervento e mangiare i barattoli di nutella!Oltre tutto c' da dire che ognuno ha il suo quadro clinico che va valutato con scrupolo...Non credo ci sia nulla di male nell'utilizzare un piccolo aiuto se si ben consci che l'0intervento non un rimedio miracoloso!





dato che non ho alcuna disfuzione come si evince dagli esami approfonditi che ho fatto prima di inziare questo percorso, mangiare meglio e fare movimento sono la strategia globale. Non ho deciso di testa mia, ho consultato medico di base, ginecologo e dermatologa da cui sono in cura da anni ed un amico tecnolog alimentare. Se fare palestra per te vuol dire avere problemi ad un ginocchio, posso solo pensare che facevi esercizi sbagliati o che quel ginocchio va fatto controllare da un ortopedico..
Ho letto dimolti successi della chirurgia bariatrica, ma conosco anche un grave insuccesso, un intervento definitivo di riduzione dello stomaco, che sta causando seri problemi all'amico che si era sottoposto, risutlato finale ? 60 kg meno e peso che contnua a calare, e malassorbimento che sta causandogli grossi problemi alla muscolatura, difatti gira con le stampelle e fa fisioterapia ogni giorno..per il suo intervento irreversibile, il danno fatto! ;-(((

se avere meno stomaco o accrocchi vari nelle viscere, pensi ti aiuti, nessuno ti puo dire di non farlo, tranne medici e piscologi per cui dovrai passare, per se ti dico che il primo medico che mi ha detto che una "dieta *" era meglio dell'intervento stato proprio il chirurgo che mi avrebbe dovuto operare.
Se il problema psicologico, non sar un anellino o palloncino o sondino (peggio di tutto, la chetosi..ma scherziamo!? stato ampiamente dimostrato che una delle cose piu dannose da farsi per indurre perdita di peso) a risolverlo, perlomeno non per me, io sono arrivata a decidere cosa fare, funziona e sono certa che funzionerebbe per tutti ( a meno di gravi disfunzioni, ripeto) ed il fatto che funzioni senza nessun sacrificio (cosa che solitamente immaginare resa impossibile dalla parola dieta!) mi stimolano ad andare avanti su questa strada.
Per assurdo dimagrire una cosa facile, non riprendere il peso la cosa piu difficile, una volta tolti anelli palloncini ( che sono solo un p meno pericolosi di amfetamine e porcherie varie che io ho assunto a suo tempo, per l'effetto che hanno sul metabolismo e fisico in generale) resti di nuovo sola/o, se non hai curato la tua testa..puoi tornare in fretta come prima o peggio di prima.

Rinnovo l'invito, se ti va di parlarne in pvt, sono qui..non vendo intrugli n pozioni miracolose, solo dispenso consigli che ho ricevuto e che mi fa piacere condividere con chi ha il mio stesso problema. Cosa che ho fatto con altre donne di bibivu.
buon weekend

* dieta= la mia non una dieta, non sono a dieta!


Me, myself and I

Author mordilla_38 mordilla_38 05/06/10 - 14:03
IPID: FC1AC79B50
non mi metto qua a discutere sui vari metodi, perch non ho voglia e soprattutto non ho voglia poi di replicare, ma due cose le dico. Per quanto mi riguarda la difficolt vera sta nel mantenimento, cio dopo aver perso tanto peso (e ci sono riuscita diciamo abbastanza facilmente) mi ritrovo a diventar matta a mantenere il peso, perch dopo 6 mesi di dieta rigida, in cui mangiavo tutto sommato ridotte quantit (dieta iperproteica, non hai fame e ti stufi pure di quello che mangi), non appena mi sono ritrovata in fase di mantenimento mi si nuovamente spalancato lo stomaco! voglio dire che non che lo stronzo (stomaco) si "stretto", anzi. Non riesco a mangiar poco, ma per fortuna nella mia dieta di mantenimento le quantit sono libere. Il problema che quando ho il giorno libero smagnazzo alla grande, e il giorno dopo pure... dopo mi rimetto in carreggiata, ma insomma sempre un casino, sempre con la testa sulla dieta, uffi
ho il timore che per me, grassa da sempre, la vita sar sempre cos, cio non potr mai stare con la testa per aria e non pensare a cosa devo prepararmi per il giorno dopo, cosa portarmi se vado in vacanza, stringer i denti dopo una giornata libera, cercando di fare in modo che sia solo una giornata e non due.
Ragazzi che strapalle sta dieta, se non mi vedessi molto meglio ora e se la salute non ne risentirebbe, col cavolo starei in dieta, ma cos e non ci posso far nulla.

ics

Author LaPucci 05/06/10 - 21:37
IPID: B49D5C09A0
mordilla_38
non mi metto qua a discutere sui vari metodi, perch non ho voglia e soprattutto non ho voglia poi di replicare, ma due cose le dico. Per quanto mi riguarda la difficolt vera sta nel mantenimento, cio dopo aver perso tanto peso (e ci sono riuscita diciamo abbastanza facilmente) mi ritrovo a diventar matta a mantenere il peso, perch dopo 6 mesi di dieta rigida, in cui mangiavo tutto sommato ridotte quantit (dieta iperproteica, non hai fame e ti stufi pure di quello che mangi), non appena mi sono ritrovata in fase di mantenimento mi si nuovamente spalancato lo stomaco! voglio dire che non che lo stronzo (stomaco) si "stretto", anzi. Non riesco a mangiar poco, ma per fortuna nella mia dieta di mantenimento le quantit sono libere. Il problema che quando ho il giorno libero smagnazzo alla grande, e il giorno dopo pure... dopo mi rimetto in carreggiata, ma insomma sempre un casino, sempre con la testa sulla dieta, uffi
ho il timore che per me, grassa da sempre, la vita sar sempre cos, cio non potr mai stare con la testa per aria e non pensare a cosa devo prepararmi per il giorno dopo, cosa portarmi se vado in vacanza, stringer i denti dopo una giornata libera, cercando di fare in modo che sia solo una giornata e non due.
Ragazzi che strapalle sta dieta, se non mi vedessi molto meglio ora e se la salute non ne risentirebbe, col cavolo starei in dieta, ma cos e non ci posso far nulla.


ciao mordilla, nessuno discute , almeno qui ehehheh, ognuno dovrebbe/potrebbe portare la sua esperienza o di conoscenti, io non sono contro la chirurgia, ma credo sia davvero l'ultima spiaggia e si sa che se non "definitiva" si corre il rischio di reingrassare..la leggenda dello stomaco che si restringe stata sfatata da tempo, proprio per quello hanno iniziato a ridurlo e nel caso che ho citato, quando definitiva, pu fare anche grossi danni, oltre che bene.
Me, myself and I

Author spaziale spaziale 05/06/10 - 23:59
IPID: B5D382A072
Se il problema psicologico, non sar un anellino o palloncino o sondino (peggio di tutto, la chetosi..ma scherziamo!? stato ampiamente dimostrato che una delle cose piu dannose da farsi per indurre perdita di peso)



Senza intento polemico (che la cosa mi interessa).. hai qualche riferimento per chiarire questo punto?

Grazie in anticipo

giac
Blucher! ihhhhhh

Author LaPucci 06/06/10 - 00:38
IPID: F4F4BAB3A7
spaziale
Se il problema psicologico, non sar un anellino o palloncino o sondino (peggio di tutto, la chetosi..ma scherziamo!? stato ampiamente dimostrato che una delle cose piu dannose da farsi per indurre perdita di peso)



Senza intento polemico (che la cosa mi interessa).. hai qualche riferimento per chiarire questo punto?

Grazie in anticipo

giac



partiamo dalla dieta Atkins e poi ci sono avri commenti sulla chetosi, fosse cosa buona e giusta i bambini in chetosi non dovrebbero prendere il Biochetasi et similia, direi.

Chetosi e acidosi
Col termine "acidosi" si indica un abbassamento del pH del sangue, cio un incremento della sua acidit, ossia della concentrazione di ioni idrogeno, H+ (altrimenti noti come protoni). Tale incremento ovviamente dovuto all'aumento di acidi nel sangue, acidi che sono prodotti in quantit progressivamente crescenti quando l'organismo non dispone di glucosio (es.: digiuno, malnutrizione) o non in grado di utilizzare il glucosio introdotto, direttamente o indirettamente, con la dieta (es.: diabete): non potendo utilizzare il glucosio come fonte di energia, l'organismo soddisfa le proprie necessit consumando grassi e tentando di procurarsi glucosio sintetizzandolo a partire da altri substrati quali appunto quelli ottenuti dalla demolizione dei grassi. All'interno di questo complicato processo, vengono prodotti i cosiddetti corpi chetonici, di cui fanno parte anche l'acido acetacetico e l'acido beta-idrossibutirrico. Sono proprio questi corpi chetonici, acidi, ad abbassare il pH del sangue provocando acidosi. D'altra parte la "chetosi" una condizione strettamente collegata, dato che consiste nella presenza di quantit abnormi di corpi chetonici nel sangue.
Nonostante quanto detto, il contributo diretto dei corpi chetonici (cio la loro presenza nel sangue) nell'instaurarsi dell'acidosi non tanto rilevante quanto la diminuzione di ioni sodio, Na+, dai liquidi extracellulari che essi comportano. Infatti, come sopra descritto per il glucosio, anche i corpi chetonici vengono espulsi con le urine dopo essere stati filtrati dai reni. Tuttavia la loro forte natura acida ostacola, per via di fattori chimico-fisici, la filtrazione renale tanto che per essere eliminati devono prima essere convertiti in una forma neutra, cosa che l'organismo ottiene combinandoli con sodio, che fra l'altro lo ione pi abbondante fuori dalle cellule. Cos le quantit di sodio eliminato aumentano in proporzione alla quantit di corpi chetonici eliminata. Ne deriva un abbassamento della concentrazione del sodio nei liquidi extracellulari (dove esso appunto lo ione pi abbondante) ove esso sostituito da altrettanti ioni idrogeno H+.

http://www.msd-italia.it/altre/manuale/sez02/0130194.html


http://www.gssiweb-it.com/reflib/refs/720/sse99.cfm?CFID=2560412&CFTOKEN=56603610

http://www.medicinalive.com/scienza-dellalimentazione/alimentazione-e-prevenzione/senza-carboidrati-memoria-a-rischio/

http://www.medicinalive.com/scienza-dellalimentazione/diete-e-metabolismo/dieta-senza-pane-pasta-dimagrire-male-al-cuore/


I PARERI CONTRARI
Vari studi hanno dimostrato che la perdita di peso ottenibile con la dieta Atkins, o con altre diete ad alto contenuto calorico, in realt non maggiore di quella ottenibile con altri tipi di diete, basate sul ridotto apporto calorico.
Diete ad alto contenuto proteico e con minimo contenuto di carboidrati possono indurre chetosi, un disturbo metabolico in cui, a causa dell'abbassamento dei livelli di glucosio nel sangue, si formano delle sostanze chetoniche in eccesso che possono contribuire ad una variet di disturbi: perdita di calcio, con un aumentato rischio di osteoporosi, aumento del rischio di calcoli renali.
I men tipici della dieta Atkins hanno inoltre la caratteristica di contenere una certa quantit di grassi saturi, un basso contenuto di fibre e un ridotto apporto di vitamine. Per questo viene raccomandato un apporto supplementare di questi nutrienti. Senza tale apporto si potrebbe infatti verificare un rischio maggiore per le seguenti patologie:
Cancro colonrettale
Disturbi cardiaci
Disfunzioni renali
Osteoporosi
Complicazioni del diabete


Tutti i limiti della dieta Atkins
In primo luogo, questo regime alimentare non rispetta le indicazioni per una sana alimentazione (www.sinu.it) nelle quali si spiega chiaramente che all'interno della quota energetica giornaliera per soggetti sani, il 55-60% deve provenire da carboidrati (di cui circa il 10-15% da zuccheri semplici), il 12% da proteine e non pi del 25-30% da grassi (di cui non pi di 1/3 di acidi grassi saturi).
Inoltre il fegato costretto ad un sovraccarico del lavoro che normalmente abituato a fare, con conseguente inutile affaticamento dell'organo. L'eccesso di grassi pu portare ad avere alti livelli di colesterolo nel sangue. stato inoltre osservato che l'elevato apporto proteico aumenta l'eliminazione del calcio con le urine.
Infine, dal punto di vista del dimagrimento, se vero che l'effetto assicurato (dato che si eliminano gran parte degli alimenti!), altrettanto vero che il mantenimento del peso conquistato sar difficilmente adattabile alla vita quotidiana e qualunque "sgarro" coster caro! I chili persi in breve tempo torneranno a "bussare" alla porta, invitando anche gli amici non ancora conosciuti! bene quindi fare molta attenzione ed avere una buona coscienza alimentare!

Dott.ssa Lisa Ingrosso

http://www.eufic.org/article/it/nutrizione/carboidrati/artid/finisce-regno-dieta-atkins/

DIETA CHETOGENICA
La dieta chetogenica si basa sul presupposto che un'alimentazione ricca di proteine e lipidi e molto povera di carboidrati mantenga costanti i i livelli di insulina evitando l'accumulo di grasso e favorendo il suo utilizzo a scopo energetico. Diminuendo i livelli di glucosio oltre i limiti raccomandati il corpo sar costretto ad attingere energia da altri substrati quali proteine e lipidi.
LA GLUCONEOGENESI
La gluconeogesi un processo che porta alla formazione di glucosio a partire dallo scheletro carbonioso di alcuni aminoacidi. Questo processo assicura un apporto costante di energia anche in condizioni di carenza di glucosio ma costringe fegato e reni a lavorare di pi per eliminare l'azoto.
Evitare di assumere glucosio tramite la dieta e costringere il corpo a scindere le proteine un processo piuttosto stupido, perch intossica l'intero organismo e lo fa lavorare inutilmente.
In ogni caso tutto questo lavoro aumenta la quantit di calorie bruciate (effetto termogenetico) e stimola la secrezione di ormoni che favoriscono lo smaltimento del grasso e sopprimono l'appetito. Per tutti questi motivi l'efficacia della dieta chetogenica tuttosommato elevata.
Se vogliamo lo stesso principio degli steroidi anabolizzanti, entrambe le cose funzionano ma le conseguenze di un loro utilizzo prolungato e indiscriminato sono piuttosto gravi.
E poi, se permettete, una dieta iperproteica ma non troppo, ricca di carboidrati complessi e fibre ad ogni pasto, associata ad alcuni accorgimenti dietetici mantiene gli effetti benefici della chetogenica eliminando buona parte degli aspetti negativi.
CORPI CHETONICI
La dieta chetogenica, a causa dell'elevato apporto di grassi e proteine, pu causare gravi problemi come uremia e chetosi (aumento della concentrazione dei corpi chetonici nel sangue). Ma che cosa sono i corpi chetonici?
L'organismo umano necessita di glucosio per sopravvivere.
L'essenzialit del glucosio come fonte energetica legata al fatto che il sistema nervoso centrale utilizza esclusivamente glucosio per svolgere la propria attivit e anche gli eritrociti sono dipendenti dalla glicolisi per il loro metabolismo energetico. Si calcola che il minimo apporto giornaliero di glucosio per permettere il normale funzionamento di questi sistemi sia di 180 grammi.
Tuttavia, in condizioni particolari di estrema carenza di glucosio (digiuno prolungato) il corpo ricorre ai corpi chetonici per sopravvivere.

FORMAZIONE DEI CORPI CHETONICI

La lipolisi (la degradazione degli acidi grassi a scopo energetico) legata alla glicolisi (la degradazione del glucosio a scopo energetico).
Se per un qualche motivo la glicolisi ed il ciclo di Krebs sono fortemente rallentati, allora anche la lipolisi viene compromessa e si formano i corpi chetonici (gli acidi grassi vengono normalmente degradati ad acetil CoA che entra nel ciclo di Krebs legandosi all'ossalacetato per un ulteriore ossidazione fino ad anidirde carbonica e acqua. Se la produzione di acetil CoA tramite la lipolisi eccede la capacit di assorbimento dell'ossalacetato, si formano i corpi chetonici).
I corpi chetonici sono tre, l'acetone, l'acetoacetato e il 3-idrossibutirrato. I corpi chetonici si formano a partire da due molecole di acetil-CoA che, non potendo entrare in Krebs, si associano tra loro.
I corpi chetonici vengono prodotti normalmente in quantit minime che sono facilmente smaltibili dall'organismo (in particolare dal rene e dai polmoni). Se la produzione di corpi chetonici diviene molto elevata il loro accumulo nel sangue, definito chetosi, abbassa il pH ematico con conseguente acidosi metabolica (tipica dei diabetici non trattati). In casi estremi l'acidosi pu portare al coma e persino alla morte.
I problemi sono aggravati se il soggetto svolge un'attivit sportiva intensa, che aumenta le richieste e l'ossidazione di glucosio da parte dell'organismo.

Anche se l'esercizio fisico aumenta le capacit di ossidare tali sostanze a scopo energetico, opponendosi a tutti gli effetti negativi di un loro accumulo nel torrente ematico, il ricorso alla dieta chetogenica rimane comunque una forzatura metabolica, che a lungo andare pu causare conseguenze spiacevoli anche in un organismo giovane e ben allenato.

CHETOGENICA? NO GRAZIE!
Senza dubbio la dieta chetogenica funziona nell'immediato ma sottopone l'organismo ad uno stress continuo e non salutistico. Praticamente il gioco non vale la candela e la dieta chetogenica, sia pur efficace sotto certi punti di vista, pu e deve essere sostituita con altri regimi alimentari meno dannosi ed ugualmente efficaci.
In ambito terapeutico, la dieta chetogenica consigliata ai bambini di et inferiore ai 10 anni sofferenti di forme epilettiche non completamente controllate dalla terapia farmacologica. L'instaurarsi di uno stato di chetosi infatti correlato ad una riduzione dell'incidenza degli attacchi epilettici.


Me, myself and I

^top^
previous topic  << 1  2    next topic

Random Males
thermae_er
 thermae_er
(2,793 hits)
babalumba
 babalumba
(11,445 hits)
crowred
 crowred
(737 hits)
valentino
 valentino
(232 hits)
Donalbi
 Donalbi
(71 hits)

Users On-Line

We have 121 users
7 members
114 guests

record on 13/09/17: 212

view complete list
[+]

Donations

 €
Locations of visitors to this page (counting)
eXTReMe Tracker
  bibivu v.4.3.029
  Fabrizio Parrella © 1996 - 2017
 Page created in 0.3571 Secs
95.79% mysql, 4.21% php
 21 mysql queries