bibivu :: Perche' i chili non definiscono una persona
http://www.bibivu.com
List all the banners
  • italiano espa�ol

the WALL

  • connemara: A parte qualcuno..... ^_^
  • seasparrow: e' meglio cosi' piuttosto che peggio di cosi'
  • jonny80: Va be, meglio pochi ma buoni 😜
  • Denix: Sempre il solito insomma @connemara
  • connemara: Rientro dopo un po'.. ed in effetti sempre gli stessi online.. e sempre tanti i visitatori.. sempre gli stessi montatori seriali...
  • Freeda: ... a foza di guardarmi sempre alle spalle XD
  • Freeda: rivolgo un disperato appello agli oltre 130 utenti online: REGISTRATEVI!! la lista dei loggati la stessa da giorni ed inquietante... il Montatore mi ha fatto venire il torcicollo, a forza di guard
  • seasparrow: yaawwwnnnn
  • ezanfi1980: Ahaaa....lo hai notato anche tu allora.... 🤣
  • Freeda: ... e a giudicare dalla presenza soverchiante e caparbia di visite maschili ai profili maschili... direi che quasi quasi togliamo definitivamente il disturbo... :D

Forums

Group: Visitors

Categories:  >  Canali Canali  >  Come Stai Come Stai  >  31103
Please Login
Please Login
952 Topics
10,774 Posts
1  2  3  4  5  [10]  >>
Lo "Sponsor".

Author persefone persefone 17/09/10 - 20:17
IPID: 028AD5C89B
Da qualche giorno penso che, come ogni compulsione che si rispetti ( un modo di dire: c' ben poco da rispettare), mi piacerebbe una figura di sostegno: quello che nei film americani viene chiamato "sponsor" e che l'alcolista sobrio chiama nei momenti di difficolt, quando sente forte il desiderio di ricadere nell'alcool.
Da tempo non vivevo pi episodi di abbuffate cos frequenti, ma sto passando un periodo non proprio sereno, con attacchi su tutti i fronti e, come mia usanza, riesco a trovare rifugio e consolazione solo nel cibo.
Non me lo posso permettere: ho gi preso qualche chilo e ho il terrore di raggiungere il punto di non ritorno, ma non riesco a fermarmi.
Chi sa cosa accade nella propria testa in questi momenti, conosce la difficolt di fermarsi in tempo e allora ho pensato che un aiuto esterno, qualcuno a cui rendere conto del proprio peso, delle proprie azioni nei confronti del cibo e che sia di sostegno nei momenti di difficolt, potrebbe essere un prezioso aiuto a superare gli attacchi di abbuffate compulsive.
Dovr ovviamente esserci un rapporto di reciproca fiducia, ma secondo me non dovrebbe essere qualcuno con cui si ha un rapporto affettivo perch si rischierebbe l'eccessiva indulgenza.
Che ne pensate? Secondo voi potrebbe funzionare?
Sono Donna Summer nel corpo di Ave Ninchi

Author clotta clotta 18/09/10 - 00:12
IPID: 140E9F38CF
piccolina (passamelo va), penso che lo sponsor possa essere una buona soluzione solo per alcuni, a seconda del carattere...personalmente sapere di dover in un qualche modo rendere conto a qualcuno dei miei comportamenti alimentari (un po' come alla bilancia del dietologo) mi porterebbe a una maggiore nevrotizzazione e probabilmente finirei per mentire anche allo sponsor con conseguente senso di colpa aggiuntivo e surplus di abbuffata...da diversi anni ormai non mi capita pi di abbuffarmi davvero, e anche quando mangio per nervosismo un provvidenziale senso di saziet viene a soccorrermi e a fermarmi (una sensazione che prima non avevo, il binge eating poteva durare direttamente fino al vomito ). Il mio corpo mi difende ora, come mai? E' stata la psicoterapia? E' stata una modifica chimica avvenuta dentro di me? Sono maturata? Il mio corpo stanco di soprusi? La Madonna mi ha fatto la grazia? Non saprei, per penso che se sentiamo che qualcosa pu minimamente aiutarci a formare degli anticorpi che ci proteggano dall'abbuffata compulsiva, allora vale la pena di esplorarla, coltivarla. Scegliti uno sponsor, qualcuno che sa cosa stai passando, disposto a sostenerti e a farti scorgere la luce che sempre l alla fine del tunnel...e magari poi facci sapere come va...
quando pensi che a nessuno importa se sei vivo, prova a non pagare la rata dell'auto per due mesi

Author Chellala-Chellala 18/09/10 - 11:17
IPID: 841250BA71
Perse, se vuoi ti presto mia madre..

indulgenza? zero...

E' lei a cui porto i bigliettini della bilancia in farmacia... lei che mi misura ad occhio mettendo un dito nella vita dei pantaloni..o tirandomene la gamba...

E' sempre stata un giudice "spietato" del mio grasso, ora avere il suo supporto ed anche la sua approvazione, mi aiuta molto..

Mi controllo da sola, con foto, bilancia e vestiti, ma sapere che c' qualcun'altro a cui rendere conto e rendere felice quanto me..mi fa sentire supportata.

Oltre a lei , informo il Professore che mi doveva operare, lo vedr tra 2 settimane... curioso di vedere i miglioramenti.
OOH THE DEVIL IS LOOSE... GO AND GET HIM..

Author momalia 18/09/10 - 11:55
IPID: 56260243A1
Chellala-Chellala
Perse, se vuoi ti presto mia madre..

indulgenza? zero...

E' lei a cui porto i bigliettini della bilancia in farmacia... lei che mi misura ad occhio mettendo un dito nella vita dei pantaloni..o tirandomene la gamba...

E' sempre stata un giudice "spietato" del mio grasso, ora avere il suo supporto ed anche la sua approvazione, mi aiuta molto..

Mi controllo da sola, con foto, bilancia e vestiti, ma sapere che c' qualcun'altro a cui rendere conto e rendere felice quanto me..mi fa sentire supportata.

Oltre a lei , informo il Professore che mi doveva operare, lo vedr tra 2 settimane... curioso di vedere i miglioramenti.



... io una madre cos non la vorrei neanche se mi pagassero a peso d'oro ...
... anche no

Author momalia 18/09/10 - 12:07
IPID: 56260243A1
persefone
Da qualche giorno penso che, come ogni compulsione che si rispetti ( un modo di dire: c' ben poco da rispettare), mi piacerebbe una figura di sostegno: quello che nei film americani viene chiamato "sponsor" e che l'alcolista sobrio chiama nei momenti di difficolt, quando sente forte il desiderio di ricadere nell'alcool.
Da tempo non vivevo pi episodi di abbuffate cos frequenti, ma sto passando un periodo non proprio sereno, con attacchi su tutti i fronti e, come mia usanza, riesco a trovare rifugio e consolazione solo nel cibo.
Non me lo posso permettere: ho gi preso qualche chilo e ho il terrore di raggiungere il punto di non ritorno, ma non riesco a fermarmi.
Chi sa cosa accade nella propria testa in questi momenti, conosce la difficolt di fermarsi in tempo e allora ho pensato che un aiuto esterno, qualcuno a cui rendere conto del proprio peso, delle proprie azioni nei confronti del cibo e che sia di sostegno nei momenti di difficolt, potrebbe essere un prezioso aiuto a superare gli attacchi di abbuffate compulsive.
Dovr ovviamente esserci un rapporto di reciproca fiducia, ma secondo me non dovrebbe essere qualcuno con cui si ha un rapporto affettivo perch si rischierebbe l'eccessiva indulgenza.
Che ne pensate? Secondo voi potrebbe funzionare?



... una mia amica si affidata ad un "counsellor" ... in sostanza una figura appunto di sostegno che ti "aiuta" senza fare una vera e propria terapia ...
... ci si affida per le pi svariate motivazioni ovviamente ...
... non sono molto informata su che tipo di studi deve fare un "counsellor" per diventare tale ...

... ci possiamo informare se ti va ... un abbraccio asfaltato :)))
... anche no

Author Lilith 18/09/10 - 13:27
IPID: D122E04521
la metodica del gruppo degli overeaters anonymous: una delle tappe di percorso (dopo avere ammesso con se stessi che si mangiatori compulsivi) quella di scegliersi uno "sponsor" a cui ricorrere soprattutto quando si capisce di essere in procinto di avere un attacco di fame compulsiva.

Lo (la) sponsor deve essere una persona che ha sofferto dello stesso problema ma che ha imparato a superarlo e a gestirlo con successo, in modo che, psicologicamente, la persona in difficolt accetti i consigli o il conforto della sua sponsor perch sa che lei la comprende e che c' passata.

Quando frequentavo gli OA (dovrei dire "LE" OA, visto che maschi non ce n'erano... ) accadeva che ricevevi una ventina di telefonate al giorno: in pratica, tutte chiamavano la loro sponsor almeno cinque-sei volte al giorno, ma poi, consapevoli di non potere stressare di continuo quella persona, allora ripiegavano sulle altre del gruppo... fatto sta che alla fine 'ste telefonate paranoidi circolavano tra di noi e creavano una infinit di intoppi al sereno svolgimento della giornata.

Io venivo rimproverata perch non m'ero voluta scegliere la sponsor e perch avevo detto loro che non mi interessava sostituire la dipendenza dal cibo con la dipendenza verso una persona, e che dovevo trovare IN ME la forza.

Comunque... alcune trovavano questa via molto utile per il proprio equilibrio, quindi se pensi che possa esserti utile scegliti qualcuna che ce l'ha fatta.... a superare questo inferno, intendo dire...

ringrazio tutti quanti, soprattutto la mia mamma che mi ha fatto cos funky... (art.31)

Author Alice2 18/09/10 - 14:42
IPID: 3FFF98F104
perdonami chella, ma neppure io vorrei una madre che ha su di me un controllo del genere.


momalia
Chellala-Chellala
Perse, se vuoi ti presto mia madre..

indulgenza? zero...

E' lei a cui porto i bigliettini della bilancia in farmacia... lei che mi misura ad occhio mettendo un dito nella vita dei pantaloni..o tirandomene la gamba...

E' sempre stata un giudice "spietato" del mio grasso, ora avere il suo supporto ed anche la sua approvazione, mi aiuta molto..

Mi controllo da sola, con foto, bilancia e vestiti, ma sapere che c' qualcun'altro a cui rendere conto e rendere felice quanto me..mi fa sentire supportata.

Oltre a lei , informo il Professore che mi doveva operare, lo vedr tra 2 settimane... curioso di vedere i miglioramenti.



... io una madre cos non la vorrei neanche se mi pagassero a peso d'oro ...


http://www.draquila-ilfilm.it

Author chrysalis 18/09/10 - 15:21
IPID: 3E7132CD68
L'unica figura simile che abbia mai incontrato era l'animatore della Weight Watchers, uno in particolare sottolineava i progressi ma se quella settimana eri inciampata non ne faceva un dramma, cercava di capire dove avevi sbagliato.

L'OA mi ha sempre incuriosito ma mi conosco, non telefonerei allo "sponsor"

Il solo fallimento consiste nel non tentare pi

Author Alice2 18/09/10 - 16:01
IPID: 3FFF98F104
Ho avuto uno sponsor, ossia uno psicologo comportamentista del Centro di Malattie Metaboliche dell'Asl della mia citt.
Il suo apporto avrebbe dovuto arginare il mio ricorso al cibo come consolatorio ma non ha avuto gli effetti sperati.
Ora so che unicamente un cambiamento forte nella mia attuale situazione esistenziale potrebbe allentare la pressione a cui mi sento sottoposta quotidianamente ed aiutarmi a vedere nel cibo nutrimento e non solo consolazione.
persefone
Da qualche giorno penso che, come ogni compulsione che si rispetti ( un modo di dire: c' ben poco da rispettare), mi piacerebbe una figura di sostegno: quello che nei film americani viene chiamato "sponsor" e che l'alcolista sobrio chiama nei momenti di difficolt, quando sente forte il desiderio di ricadere nell'alcool.
Da tempo non vivevo pi episodi di abbuffate cos frequenti, ma sto passando un periodo non proprio sereno, con attacchi su tutti i fronti e, come mia usanza, riesco a trovare rifugio e consolazione solo nel cibo.
Non me lo posso permettere: ho gi preso qualche chilo e ho il terrore di raggiungere il punto di non ritorno, ma non riesco a fermarmi.
Chi sa cosa accade nella propria testa in questi momenti, conosce la difficolt di fermarsi in tempo e allora ho pensato che un aiuto esterno, qualcuno a cui rendere conto del proprio peso, delle proprie azioni nei confronti del cibo e che sia di sostegno nei momenti di difficolt, potrebbe essere un prezioso aiuto a superare gli attacchi di abbuffate compulsive.
Dovr ovviamente esserci un rapporto di reciproca fiducia, ma secondo me non dovrebbe essere qualcuno con cui si ha un rapporto affettivo perch si rischierebbe l'eccessiva indulgenza.
Che ne pensate? Secondo voi potrebbe funzionare?


http://www.draquila-ilfilm.it

Author persefone persefone 18/09/10 - 17:32
IPID: AEBA301103
clotta
piccolina (passamelo va)

Vabbe', te lo passo...

clotta
penso che lo sponsor possa essere una buona soluzione solo per alcuni, a seconda del carattere...

Sicuramente ognuno ha bisogno del suo modo per essere portato via dal tunnel e in realt non sono nemmeno sicura che per me vada bene perch alla fine quando ho dovuto rendere conto a qualcuno, tipo un dietologo, ho evitato direttamente smettendo di andarci e preferendo abbuffarmi.
Non so nemmeno che figura cercare: un'amica/o no perch tenderebbe ad essere indulgente e non avrebbe senso; un estraneo nemmeno perch non mi farei scrupoli ad accannarlo ed evitarlo. Una cosa certa: da sola non ce la faccio.
Sono Donna Summer nel corpo di Ave Ninchi

^top^
previous topic  1  2  3  4  5  [10]  >>  next topic

Last Modified Users
connemara
 connemara
(1,030 hits)
Freeda
 Freeda
(338 hits)
CandyGirl94
 CandyGirl94
(857 hits)
poetica
 poetica
(2,248 hits)
ANGEL2
 ANGEL2
(4,401 hits)

Users On-Line

We have 126 users
10 members
116 guests

record on 13/09/17: 212

view complete list
[+]

Donations

 €
Locations of visitors to this page (counting)
eXTReMe Tracker
  bibivu v.4.3.029
  Fabrizio Parrella © 1996 - 2017
 Page created in 0.3588 Secs
95.67% mysql, 4.33% php
 21 mysql queries